Mohendjo-daro

Che cos‘ é il Mohendjo-daro?

„È il meraviglioso viaggio della donna verso la propia bellezza, salute, intimità e saggezza“

È la tua strada verso bellezza, amore, talento, sensualità.

È la tua strada verso la Dea che da tempo é dentro di te.

È il Tuo Mohendjo-daro.

lazanky

 

Mohendjo-daro lavora su molti livelli. A livelli corporeo, energetico, emozionale, psichico, intimo.

Mohendjo-daro è un sistema moderno ma con radici che risalgono ad alcune migliaia di anni fa in India.

Mohendjo-daro è il migliore collegamento tra l’oriente e l’occidente, usa le migliori tecniche di entrambi ed è destinato alla donna moderna.

Mohendjo-daro è un sistema completo di sviluppo della donna che comprende salute, bellezza, ringiovanimento, sessualità, intimità, capacità di vivere, capacità psichiche e artistiche.

Monika 3

 

Le donne che praticano abitualmente Mohendjo-daro otterranno i seguenti benefici nella vita quotidiana:

Sono più sane

Sono più belle

Sono più desiderate

Sembrano più giovani

Raggiungono la purezza interiore del corpo e la corretta funzione degli organi femminili

Ritrovano la loro vera intimità e la capacità di vivere belle esperienze

Fanno l´amore più coscientemente, vivono la propria effettiva intimità

Acquisiscono saggezza dalla vita

Rafforzano la propia personalità

Riconoscono il propio talento e lo esprimono

Sono più felici

monika
Nell´immagine la fondatrice della scuola del Mohendjo-daro in Repubblica Ceca, Dott.ssa Monika Síčová –
Ma Pranama

L´istituto di insegnamento del Mohendjo-daro è un sistema unico di formazione nel campo dello sviluppo personale. I fondatori – Dott.sa Monika Síčová „Ma Praname“ e il docente Igor Samotný „Tantra Sw.Prem Agni“ – durante la creazione si sono basati sull´antico insegnamento indiano (cioé l’antico rito tipico dell’induismo discendente dal gruppo tantrico originale) ma anche sulla realtá centrale europea e sulle conoscenze attuali della scienza medica e le meditazioni di Osho.

Mohendjo-daro è unico nella sua forma e semplicità. Dal 2002 ha coinvolto 3.000 donne nella Repubblica Ceca e si sta diffondendo gradualmente in tutta Europa (http://mohendzodaro.cz).

Mohendjo-daro o Yoga Femminile influisce in maniera positiva sulla salute della donna, agendo sulla sua vitalità e la sua bellezza. Gli esercizi che proponiamo sono adatti ed efficaci su tutte le donne indipendentemente dall’età.

 

20151206_095235

Gli effetti benefici del Mohendjo-daro:

Effetti sulla salute fisica:

  • Mohendjo-daro rinforza i muscoli del pavimento pelvico e dell’utero.

Il pavimento pelvico, ancora oggi poco conosciuto eppure di fondamentale importanza per la salute e il benessere di ogni donna, é un’area relativamente „nascosta“ del nostro corpo. Un’area con la quale generalmente non si instaura quel rapporto quotidiano e spontaneo di consapevolezza e contatto che invece si stabilisce con una mano piuttosto che con una gamba.
Quella del pavimento pelvico rappresenta di fatto sia la regione chiave della
defecazione e della minzione che quella della sessualità e del parto. Molteplici pudori sociali e tabù culturali hanno quindi contribuito nel tempo a renderla ancora più remota e dimenticata.
Quest’area,
costituita da strutture anatomiche quali muscoli, tendini, legamenti e nervi, si estende dalla sinfisi pubica al coccige, chiudendo in basso la cavità addomino-pelvica, circondando e sostenendo l’uretra, la vescica e la vagina fino all’apparato ano-rettale.

I muscoli del pavimento pelvico e della piccola pelvi dopo il parto generalmente perdono la loro elasticità. La parete della vagina e la sua flessibilità sono anche influenzati dal livello di estrogeni (ormoni sessuali femminili) presenti nel sangue. Durante l’esercizio fisico Mohendjo-daro i muscoli della piccola pelvi diventano ricettivi, più forti e più flessibili.

  • Dal punto di vista della salute nelle donne anziane si ottengono l’eliminazione dei problemi classici quali quelli di minzione, incontinenza e prolasso dell’utero.
  • Con questi esercizi si intensifica la circolazione del sangue nei piccoli organi del bacino (ovaie, utero, tube di Falloppio, vagina e del pavimento pelvico), diminuendo così significativamente il rischio di infiammazioni ricorrenti, perdite vaginali, e sanguinamento. Mohendjo-daro ha anche aiutato molte donne con problemi di concepimento.
  • Mohendjo-daro è anche la migliore prevenzione contro le emorroidi ricorrenti.

Estrogeni e bellezza

Durante l’esercizio Mohendjo-daro il corpo rilascia una grande quantità di estrogeni e di ormoni sessuali femminili. Tali ormoni hanno un ruolo fondamentale per esempio sui sintomi di stanchezza e debolezza. Con questi esercizi si mantiene il dinamismo tipico della gioventù. Le donne che praticano regolarmente questo esercizio sono riconoscibili per la loro bellezza e freschezza anche nell’età avanzata.
 

Effetti mentali e spirituali

Mohendjo-daro è basato sulle più antiche tradizioni spirituali femminili e rafforza l‘Io interiore. Fondamentale per chi é (tipico del giorno d’oggi) sempre occupata e necessariamente aggressiva nella vita quotidiana. A ciò ne consegue molto spesso una repressione difficile da combattere.

Oggigiorno la donna deve svolgere mansioni molto maschili e difendere la sua autonomia ed indipendenza finanziaria. Pertanto questi esercizi sono molto adatti alle donne lavoratrici, manager e imprenditrici di successo, ma risultano essere anche un ottimo supporto per le madri, perchè si lavora molto con l’energia femminile e materna, la più grande carica verso la vita.

Effetti sulla´intimità

Il Mohenjo-daro insegna alle donne come utilizzare correttamente la propria energia sacra femminile, come attivare tutto il corpo durante l´amore e raggiungere piacere sentendo che il flusso di energia le attraversi pienamente. Le donne che praticano abitualmente il Mohenjo-daro ritrovano la propria effettiva intimità e vivono gli stati estatici.

lg_C972M52Q48

 Come può il Mohendjo-daro aprire la strada per la gravidanza?

Nonostante la gravidanza sia naturale, smette di essere una cosa ovvia per ogni donna in questa societá. La capacità di concepire un bambino influenza in modo significativo le complesse interazioni tra fattori fisici, psicosociali, psicologici ed emotivi.

tehot7

Le cause più frequenti di sterilità con i quali lavora il Mohendjo-daro:

  • squilibrio ormonale
  • pigrizia delle ovaie
  • blocco energetico del pavimento pelvico
  • disarmonia interiore e squilibrio
  • intasamento del corpo dalle tossine

Il Mohendjo-daro aiuta molto efficacemente:

  • riequilibra il sistema ormonale
  • attiva le ovaie per lavorare regolarmente (ad avere un´attivitá regolare)
  • guarisce il pavimento pelvico
  • influisce positivamente sull’anima della donna
  • le meditazioni Mohendjo-daro rafforzano la pace e la serenità interiore
  • Meditazione Dinamica femminile funziona  come strumento disintossicante

tehot6

Il Mohendjo-daro, con le sue tecniche e le meditazioni, aiuta a sviluppare la pace interiore e la serenità che hanno un grande ruolo per il concepimento.

Una altro fattore importante per il concepimento di un bambino è un rapporto sano, armonico ed equilibrato tra un uomo ed una donna. La felicità e la serenità che si sente  dalla donna si trasferiscono positivamente nel rapporto.
miminko1

Grazie al Mohendjo-daro sono  decine le donne in gravidanza!!.
Alcune anche gia´ dopo il corso di base. Tante donne, dopo molti anni di fallimenti, quando  hanno gia smesso di credere di poter avere bambini!!

Il Mohendjo-daro ha portato loro una maternità felice!

Il Mohendjo-daro non è una panacea, ma come funziona su molti livelli, riesce ad aprire e rafforzare significativamente la capacità di concepire.

maminka

Cosa imparerai?

  • Come comprendere i processi interiori delle donne…
  • Come trattare la salute femminile…
  • Come rafforzare il pavimento pelvico…
  • Come distribuire l’energia dal pavimento pelvico a tutto il corpo…
  • Curi e rinforzi gli organi femminili del pavimento pelvico che risultano indeboliti, rafforzi i reni
  • Conoscerai le dinamiche del pavimento pelvico e come lavorare con la respirazione…
  • Come aumentare la tua coscienza e l`intuizione..
  • Come lavorare con la tua energia femminile e sessuale sacra…
  • Scopri segreti del MOHENJO-DARO e della meditazione

Facilmente… Conoscerai te stessa DA DENTRO e sarai una donna sicura di te…

 „Nel complesso AUMENTI l’energia vitale e la capacità di distribuirla in tutto corpo con coscienza“

„Mohendjo-daro ti aiuterà ad essere SPONTANEA, GIOCOSA, CREATIVA e ritroverai la gioia della vita! Godrai del tuo corpo, della sua energia e della femminilità naturale!!“

mohendzo rasouli

 

1) Mohendjo-daro é uno strumento di trasformazione interna delle donne e non é solo stretching ed esercizio fisico.

2) Mohendjo-daro é un rituale cerimoniale che serve come strumento di trasformazione.

3) Mohendjo-daro è basato sulla meditazione, è una combinazione tra  meditazione femminile ed esercizio.  UNO NON ESISTE SENZA ALTRO.

 Tecniche con Asana

1) Esercizio in Asana

2) Meditazione in Asana

3) Respirazione in Asana

4) Visualizzazione in Asana

 

Come è nato Mohenjo-daro…. Intervista nella Rivista ceca sulla salute Meduňka  con la fondatrice Dottoressa Monika Síčová

Monika 2

1/ Ha interessanti esperienze professionali, ha fatto molti vari corsi, soggiorni, stage ecc. in Boemia ed anche all’estero, ha anche viaggiato molto… Mi interesserebbe a sapere quale è stato il primo movente per interessarsi allo yoga femminile. Cosa (o chi) l’ha inspirata e quali erano i primi passi in questo tragitto verso lo yoga femminile?

Paradossalmente la mia via comincia da altra parte diversa da corsi e maestri. I miei primi passi gli ha influenzati il mio grande amore per mia madre. Vivevamo da sole con il mio fratellino più piccolo e con mia madre fino al momento quando si è ammalata di una malattia mortale agli organi femminili.

Avevo dodici anni e ho visto l’essere amato a morire per due lunghi anni. Anche se già la mamma cercava di salvarsi con le cure alternative, la malattia era più forte. Questo mi ha forse condizionato per sempre. Dopo la sua morte incolpavo parzialmente la medicina classica che ha trascurato i sintomi della malattia. Solo molto tempo dopo ho capito che ogni malattia ha una sua radice profonda e una propria causa. In ogni caso già allora sapevo che volevo studiare medicina ed anche di entrare il più profondamente in medicina alternativa, per poter unire entrambe materie e poter essere utile in casi simili. Lo sentivo come mio tema.  Sentivo che sola medicina occidentale non basta, ma che non basta neanche la conoscenza alternativa. Ero una bambina piuttosto ingegnosa e così ce l’ho fatta facilmente a finire gli studi di liceo ed anche la Prima facoltà di medicina dell’Università di Carlo.

 

Certo dentro di me c’era anche l’ardore di scoprire la civiltà orientale ed anche voglia di viaggio intorno al Mondo e l’avventura che offre la civiltà lontana e uscire fuori dalla norma della società occidentale. Intorno all’anno 2000 mi sono per la prima volta recata per alcuni mesi in Mongolia con alcuni amici. Abbiamo vissuto e peregrinato nella natura selvaggia, al di fuori della civiltà e mondo moderno.

Ogni notte mi addormentavo sotto il cielo stellato, bevevo dal fiume e mi lavavo nel fiume selvaggio, abbiamo attraversato completamente da soli una parte del deserto Gobi, abbiamo peregrinato a lungo sui cavalli per passare le montagne di Changaie. Per me all’epoca era piena immersione e connessione con la forza della natura e dell’universo. Mi ricordo che estasicamente ho vissuto ogni momento di collegamento con la natura. Era veramente trasformante. Dopo il ritorno in Europa mi ero ancora durante il viaggio sulla ferrovia Transiberiana ammalata con una malattia sconosciuta e alcuni giorni ho avuto febbre alta. Già durante il viaggio ma soprattutto dopo a casa mi tornava sempre come mantra un’idea: “ questo non è tutto, il mondo non è quello con il fine, questo sicuramente non è tutto, deve esserci ancora qualcosa!!!“

 

Ho passato alcune settimane con la febbre e ogni giorno ed ogni momento ininterrottamente mi tornava il messaggio insistente. Era molto insistente e inquietante. Devo dire che fino a quel momento ero un classico studente universitario. Amavo la medicina e ritenevo che è importante accurata conoscenza della materia, intraprendevo lo studio, avevo il mio ragazzo ed ero più o meno contenta della mia vita occidentale. Quella malattia strana di linfonodi e la febbre mi hanno riportata alla domanda insistente che così ha avuto la chance di entrare nella profondità della mia anima e creare i dubbi.

Poi gli eventi hanno cominciato a verificarsi da se. Dopo la mia guarigione mi sono recata nel Centro di meditazione Lažánky (per caso per un week end di meditazione da mio futuro ragazzo e maestro Igor Samotný), ho conosciuto le meditazioni e tecniche sciamanistiche. E subito la prima sera sapevo, sì, questo è quello giusto. Questa infatti è la risposta alla mia domanda.

La risposta alla domanda era il viaggio da fuori in dentro, era viaggio nel mondo interno. Era l’abbandono dei valori esterni e ritrovamento dei valori interni. Era così chiaro. La risposta era così immediata ed allarmante che non ho mai più abbandonato questa strada. Si trattava del mondo interno, di alchimia dell’anima, di meditazione, di avventura della strada interna e cognizione. Sapevo che era più che ovvio che questa è la risposta, che devo seguire e che devo udire. Non esisteva alcun dubbio.

2/ Quando una persona con una ferma persuasione e volontà riprende la strada verso qualche meta succede che all’improvviso incontra persone che la aiutano spontaneamente, si trova nonostante gli ostacoli „al posto giusto nel momento giusto“ e le succedono strane „coincidenze“ che la portano avanti … Ha vissuto sulla sua strada verso yoga femminile tali situazioni? La hanno qualche volta aiutata „forze invisibili“?

Da quel momento la meditazione e lavoro con il mondo interno è diventata mia passione. Non sapevo che stavo intraprendendo qualche strada, facevo semplicemente quello che mi sentivo. Alcune volte sono andata in India e Sri Lanka, la maggior parte delle volte per la meditazione o per imparare qualcosa. Sui viaggi in Asia ho passato più di due anni della mia vita.

In India ho anche incontrato una donna che mi ha insegnato i misteri di Mohenjo-daro, lo yoga tantrico per le donne. Da lei ho studiato classico yoga tantrico, trenta sei posizioni tantriche per le donne.

Non sapevo che poi alla fine prenderò questa strada. Igor Samotný (Sw. Anand Shunyam), mio ragazzo e maestro, ha scritto un racconto ispirato da questo incontro, dalla mia personalità e maturazione. Il racconto si chiama Nove posizioni tantriche, racconto mistico di Mohenjo-daro.

In base a questo racconto molte persone credono che Ambu Shiaa, la mia maestra henjodaro, era la persona principale che mi ha influenzato nella mia vita e che ha cambiato tutta la mia vita. Per esser sincera devo dire che non è proprio così. In India ho fatto la iniziazione dello yoga tantrico che studiavo lì. All’epoca lo prendevo piuttosto come un’avventura, come peraltro tutto quello che mi succedeva.

Alcune volte mi è successo che ho incontrato più o meno occasionalmente importanti persone di certa materia. Allo Sri Lanka ho conosciuto il discepolo del più importante guaritore di sciamanesimo ed esso già all’epoca ha preannunziato la mia strada. O più volte è successo che ho scampato di un pelo un grave pericolo. L’esplosione di una bomba grande alla stazione in Varanasi, Tsunami sulle coste dello Sri Lanka. Nella mia gioventù certamente non cercavo i maestri, loro sono semplicemente comparsi sulla mia strada.

Certo per esser sincera devo dire che le persone che più mi hanno influenzato e mi influenzano sono i miei cari con i quali convivo ogni giorno e amo. Non mi fissavo mai a nessuna persona importante – maestro, preferivo sempre vivere ora e qui con i miei cari. Certo credo nella forza dell’Universo, alla quale mi sono affidata. Questo legame lo sento ogni giorno e ogni giorno ringrazio perché esisto. Difatti credo nell’invisibile guida dell’Universo e veramente mi rivolgo a lui con amore quasi ogni giorno.

 

3/ Sulle Sue pagine web scrive che „yoga tantrico è suo progetto“. Quanto tempo si

occupa di questo progetto e in cosa la ha maggiormente arricchita?

Professionalmente ho cominciato ad occuparmi di Mohenjo-daro solo quando ho sentito la voglia di essere guida

di gruppi e passare la mia visione agli atri. Avevo già moltissime esperienze da tante materie di meditazione, soprattutto dalla pratica continua nel Centro di meditazione Lažánky.

In questo centro arrivano a dare le lezioni molti maestri da tutto il Mondo e io come un fedele seguace ho assistito questi maestri o traducevo o partecipavo alle loro lezioni. Si trattava sicuramente di più di un anno di netta pratica ed assistenza. Inoltre io da sola ho seguito un addestramento di alcuni anni dal mio maestro Sw. Anand Shunyam, Igor Samotný, il quale mi ha fatto la iniziazione nel lavoro prima di tutto con me stessa e poi nel lavoro con il gruppo.

Veramente solo in questo momento quando cominciavo ad essere matura e piena dello stato di meditazione e di esperienze decidevo cosa fare da sola come lettore. Mi sono ricordata del mio studio di Mohenjo-daro in India nel 2002 e ho deciso che da noi è un tema così inusuale, unico che me ne occuperò. Era piuttosto una scelta intuitiva non avevo

alcun piano né immaginavo cosa poteva succedere.

Semplicemente desideravo insegnare i programmi di meditazione e ai gruppi, e quello di cui ero piena a passare agli altri. Mohenjo-daro cominciava come piccolo semino, tenevo prima solo i corsi durante la settimana lavorativa. Da sola portavo i volantini nella città e parlavo con le donne. Molto presto però le donne hanno richiesto di più.

Ho aperto quindi i corsi nel week end e poi la prima scuola annuale. Senza aspettarmelo o senza averlo richiesto sono diventata molto velocemente un lettore cercata. Tutte le scuole e tutti corsi cominciavano ad essere pieni senza tanto sforzo. Mohenjo-daro da solo ha cominciato a parlare all’anima delle donne.

Per essere sincera devo dire che solo con l’insegnamento stesso e in sostanza fino ad oggi mi si apre il senso profondo delle singole asana e messaggio di yoga tantrico. Che solo ora maturo con l’insegnamento ai gruppi e mi dedico alle donne. Ogni donna reagisce al Mohenjo-daro diversamente, mi confidano le loro esperienze e storie personali e me io ancora ed ancora capisco la profonda verità e messaggio il quale mi è arrivato più o meno accidentalmente tanti anni fa in India.

Ho cominciato a tenere le lezioni di gruppo come un piccolo immaturo bambino ambizioso che aspira a divulgare agli altri quello che conosce. E solo con arrivare delle donne in me si apre la vera profondità e saggezza. Devo dire che proprio me Mohenjo-daro trasforma di più, e ciò proprio con lavoro quotidiano e insegnamento dei gruppi.

 

4/ Si è laureata alla facoltà di medicina utilizza in qualche modo la sua laurea professionale nei corsi dello yoga tantrico?

Sì, la medicina era la mia prima passione. Amo l’istruzione e conoscenza che porta o studio difficile.

Se avessi la possibilità di vivere ancora una vita parallela sicuramente prenderei la strada di una materia precisa dove potrei utilizzare proprio il ragionamento analitico di medicina occidentale e dove sarebbe queste conoscenze sarebbero importanti.

Appunto la prassi prevalente della medici occidentale e l’uso della stessa è ai sensi della mia opinione cattivo e istitutivo e sotto il dettato di scorretto approccio all’uomo. Non mi assocerei con il fatto di servire a tale dettato con il quale fondamentalmente non concordo. In miei corsi si basano soprattutto sulla conoscenza di anatomia e fisiologia umana, poi sulle conoscenze di ginecologia, riabilitazione e medicina interna.

Anche in medicina classica è conosciuto che le donne hanno i muscoli de pavimento pelvico molto deboli, sono una delle nostre

parti più deboli. Con il suo avvivamento, rinforzo e attivazione si raggiunge praticamente immediatamente la ricostruzione

della salute sessuale e della salute degli organi femminili. Inoltre utilizzo la conoscenza di azione delle ghiandole endocrine le quali corrispondono precisamente con le singole chakre. Tutti i punti di vista e articoli sull’azione dello yoga tantrico si basano sulla mia pratica esperienza personale, e ciò sia dai risultati pratici dei corsi sia dalle conoscenze teoretiche proprio dall’anatomia, fisiologia, ginecologia, medicina interna e riabilitazione.

Mi avvalgo non soltanto della conoscenza del fatto come funziona respiro di yoga, movimenti del corpo, lavoro con chakre e

meditazione, ma anche moderna e piena conoscenza proprio della medicina occidentale. Tutti gli articoli teoretici sul Mohenjo-daro sono i miei impatti che si basano proprio sui risultati pratici dai corsi e sulle conoscenze della dottrina orientale e dottrina occidentale sul corpo e sull’anima.

 

5/ Può alle donne che non hanno ancora incontrato un esercizio simile, spiegare la sostanza dello yoga femminile e del sistema di esercizi Mohenjo-daro? Con quali problemi di salute può questo esercizio aiutare alle donne e quali benefici possono ottenere dall’esercizio?

Mohenjo-daro agisce su più livelli. Dipende dal fatto in che profondità la cliente si lascia andare. Il primo livello è risanamento e ricostruzione della salute femminile, e ciò sia del sistema endocrino e delle ovaia sia rinforzamento e risanamento del pavimento pelvico, della vagina e dell’utero.

Poi efficace attivazione del sistema endocrino quando si rinnova la funzione delle ghiandole endocrine, e ciò delle ovaia, ghiandole surrenali, tiroide e ipotalamo con ipofisi. Gli effetti sono apparenti già dopo un anno di esercizio, si verifica infatti attivazione molto efficace dell’ipofisi ed essa influisce alle ghiandole minori. Le donne sentono sollievo soprattutto nella zona pelvica. Questo è dato dal fatto che le ovaia si „svegliano dalla letargia e inattività“, cominciano a produrre gli ormoni femminili in misura maggiore. Questo si manifesta con maggior voglia vitale e con un forte senso di freschezza e giovinezza, la donna complessivamente sembra molto più vitale e come se fosse ringiovanita di tanti anni. Poi influisce anche 42

livello degli ormoni sessuali femminili alla sessualità e voglia di fare sesso. Poi svaniscono molte irregolarità del ciclo mestruale, si rinnova la fertilità e possibilità di rimanere in cinta. All’ordine del giorno è che le donne che lungo tempo non riuscivano a rimanere in cinta sempre verso la fine della scuola annuale sono già in stato interessante. E ciò sia le donne più giovani sia quelle meno giovani. Il caso estremo si è verificato in caso di una donna che non voleva neanche rimanere in cinta. Poi mi ha raccontato la sua storia: Dalla gioventù non ha utilizzato i contraccettivi perché dopo il parto dei suoi due figli un ovaio le è stato asportato e sull’altro soffriva di cisti. Frequentava corsi di Mohenjo-daro da me regolarmente faceva esercizi e all’improvviso in inverno ha cominciato a sentirsi molto male. Peggiorava in continuo. Credeva persino di avere il cancro come si sentiva male. Alla fine poi è andata dal medico e il medico le ha confermato che è in cinta! Ha partorito una bambina sana (la donna aveva già tanti anni oltre quaranta) e lei era felice.

Cercava infatti un altra gioia nella vita e a gioia è arrivata nel bambino piccolo. Su questo caso voglio solo dimostrare che il corpo femminile ha incredibile capacità di rigenerazione e rinnovo della salute femminile. La donna metà della sua vita sterile è rimasta in cinta e ha partorito bambino sano, e ciò grazie all’attivazione dell’asse ormonale e delle ovaia. Parte della salute femminile fa anche forte pavimento pelvico. Lo sapevano e veneravano tutte le culture. Lo troviamo non soltanto nello yoga tantrico indiano, ma anche nel tao cinese, dalle donne thailandesi, dalle donne del Pacifico. Nostri ginecologi Le raccomandano di stringere e poi rilassare il pavimento pelvico mentre va in tram. Ma non basta, è poco! E a volte persino contra produttivo perché il bacino piuttosto si stringe invece di rilassarsi. Se vuole avere pavimento pelvico sano e vitale deve imparare il giusto movimento nel bacino,

giusto ed efficace respiro, avere corretta attenzione nel corpo e alla gestione di energia. Anche rilassare correttamente e sbloccare legamenti pelvici.

Poi lo yoga femminle è efficace e posso promettere che tutto quello che è stato scritto diventa la verità. Lo yoga femminle è un atre, bisogna conoscere la tecnica e avere anche il senso. È arte che è possibile coltivare. Devo dire che la maggior parte delle donne che hanno frequentato la scuola annua non hanno mai più abbandonato Mohenjo-daro e fa esercizi veramente ogni giorno. Perché sentono su se stesse sentono gli effetti vitali e benefici della propria energia sessuale e vitale la quale Mohenjo-daro efficientemente distribuisce.

Grazie al risanamento del pavimento pelvico viene eliminata incontinenza (fino cento percento di efficacia!), poi emorroidi, prolasso dell’utero, mestruazione dolorosa (dipende maggiormente dal miglioramento ormonale e anche dal rilassamento del collo dell’utero contratto delle donne giovani), certamente migliorano sintomi di menopausa (da me arrivano tante donne durante o prima di menopausa e sono molto felici degli effetti). Mohenjo-daro non ferma la menopausa, non è possibile dal punto di vista biologico, ma migliora l’andamento di diminuzione degli ormoni e stabilizza il loro livello.

La menopausa è poi naturale, senza tanti sgradevoli effetti collaterali. Sicuramente migliora anche la salute ginecologica. Come efflussi, infiammazioni croniche, micosi. Qui però spesso inizialmente i sintomi peggiorano. Mohenjo-daro fa circolare linfa, sangue e energia nel bacino e

così iniziano i processi autoregolatori e purificanti. Li infiammazioni croniche sono date per primo dal lungo ristagno energetico, da deposizione dell’energia negativa nel bacino (sentimenti, emozioni, frustrazioni) ed anche dalla creazione dei cronici focolai quiescenti. Inizialmente l’energia grazie a Mohenjo-daro comincia a fluire e dopo cominciano a sciogliersi i focolai cronici. Ciò comporta spesso peggioramento dei sintomi e presentarsi di malattia acuta. Raccomando sempre di esercitare solo molto dolcemente quasi impercettibilmente nel periodo dell’attività della malattia e poi sicuramente qualche metodo

efficace di disintossicazione come è alimentazione (ad esempio macrobiotici) poi medicina informativa, omeopatici, tisane e bagni. Mohenjo-daro certamente non inverte alcuni processi. Non scompaio miomi se è già presente il cancro degli organi, non elimina neanche questo ultimo. La malattia è già manifestazione di lunga discesa di energia. Mohenjo-daro agisce preventivamente così che una malattia grave non può presentarsi. Agisce alla psichica, al corpo emozionale e spirituale, agisce direttamente sul bacino e sulla sua energia. Mohenjo-daro può stabilizzare la malattia, può portare alla coscienza sulla sostanza della malattia. In miei corsi ho moltissime donne proprio con una malattia grave degli organi femminili, e ciò miomi.

A proposito il secondo messaggio dei miomi è appunto il desiderio della donna di trasformarsi e desiderio di avere ancora un altro bambino. Il bambino non deve essere bambino fisico ma può essere bambino spirituale. Lo è la trasformazione stessa della donna come un essere spirituale. Si tratta del messaggio dell’utero di volere essere di nuovo in cinta, ed il nuovo essere è appunto la trasformazione spirituale della donna stessa.

 

6/ Come sono nate le nove asana dell’esercizio Mohenjo-daro?

Il Mohenjo-daro non è proprio esercizio, il termine esercizio si usa solo per ravvicinarlo ai principianti.

Mohenjo-daro è un rito rituale che si basa sugli esercizi tantrici. è composto da nove asana di base e altre venti sette asana aggiuntive.

Mohenjo-daro è quindi un vasto gruppo che ha complessivamente trenta sei posizioni di corpo e distribuzione di energia. Più importante che l’esercizio stesso del corpo è lo stato di meditazione e la profondità con la quale è possibile immergersi nello stesso esercizio. Al livello maestrale si tratta di una bellissima esperienza liberante di galleggiare nel proprio corpo. Il più difficile è creare lo stato di meditazione. A livello corporeo e energetico è possibile imparare Mohenjo-daro in un mese di esercitazione intensiva. Di certo la mente dell’Europeo non è sicuramente pronta di immergersi in tale profondità. Io stessa dopo tanti anni di meditazione sto scoprendo nuovi più profondi significati delle singole posizioni ed il loro valore energetico. Ogni asana è anche un emettitore corporeo che armonizza lo stato interno della donna interna. Per me è un’avventura incredibile. Perciò esistono anche i corsi secondo del livello con il quale adepta dello yoga tantrico intende cominciare. Esistono corsi per principianti quando ci occupiamo degli aspetti sanitari di base dell’esercizio e delle meditazioni. Esiste una scuola annuale di fine settimana per avanzati quando ci occupiamo proprio degli aspetti della donna interna e dell’esercizio del livello più profondo. Poi esistono per i più avanzati e successivamente per le istruttrici. Oggi già esistono le istruttrici autonome che insegnano Mohenjo-daro sulla base di esperienze vissute e sulla base di meditazione. Paradossalmente dicono che dal momento in cui hanno iniziato ad insegnare ai gruppi li arrivano i messaggi più profondi e che solo ora cominciano a capire Mohenjo-daro. Mohenjo-daro è quindi via che non finisce. È dato dal fatto che

Mohenjo-daro è vivo e lavora appunto con donna moderna e con anima dell’uomo. E li non esistono i limiti di cognizione.

 

7/ Influisce l’esercizio positivamente anche alla psichica e all’anima della donna? Cambia l’esercizio totalmente personalità della donna? (È un certo cambio della donna riconoscibile magari già dopo superamento del corso base?)

Dopo terminazione del corso di base la donna si sente ballare, rilassata, brevemente più donna. Poi sicuramente comprende dinamica base del pavimento pelvico, può da sola fare esercizi dello yoga tantrico base e meditazione, e così utilizzare gli effetti sanitari dello yoga tantrico da sola a casa. Così si libera certa pressione o stress, in cui la donna spesso vive. Le donne dopo il corso base spesso si sentono incredibilmente cariche e forti.

Dopo dipende da lei se il gruppo di donne le piace e continua ad occuparsi del tantra anche in futuro. Quello è

la scelta individuale.

In ogni caso il corso base insegna alla donna come spegnere, meditare e anche soprattutto le basi sanitarie dello yoga femminile che può immediatamente da sola applicare a casa.

 

8/ Opera come insegnante dello yoga femminile, quali reazioni delle donne le quali frequentano seminari o corsi dello yoga femminle, incontra più spesso? Ha notato anche le reazioni negative? (magari da donne con energie femminile soppressa …?)

Devo dire che il lavoro mi porta una gioia immensa e al contrario incontrare molte donne

consapevoli mi soddisfa. I corsi appunto frequentano spesso donne che sono molto consapevoli. Riflettono sulla vita e hanno propria oppinione. Hanno già la sua profonda esperienza della vita e di meditazione, sia che esse siano molto giovani o viceversa molto vecchie.

Per lo più non sono più sotto il dettato della società maggioritaria e delle credenze occidentali e tali incontri sono una carezza per l’anima. Per me ogni corso è un grande arricchimento e incontro con donne bellissime. Difatti è anche il maggior compenso per me, la possibilità di trascorrere tempo nella compagnia di donne consapevoli. Assieme meditiamo, facciamo gli esercizi, ci occupiamo dello yoga tantrico. Attualmente appunto mi occupo soprattutto di gruppi avanzati, i corsi di base e corsi introduttivi conducono le mie assistenti e collaboratrici. In questi corsi di base sono solo il garante specializzato, tengo solo

una certa parte del programma. Il mio lavoro principale consiste nell’insegnamento di istruttrici e gruppi avanzati.

 

9/ Viviamo nell’epoca veloce e molte donne chiedono soluzioni veloci dei suoi problemi di salute. Lo yoga femminile meramente non sarà una soluzione veloce … Quanto tempo bisogna esercitarsi per avere impatto benefico allo stato di salute?

Devo dire che a me personalmente non mi ha mai interessato alcuna soluzione veloce. Ogni volta quando ho intrapreso qualcosa e mi interessava andavo così lontano come era possibile. Il principale era entusiasmo e possibilità di approfondire le conoscenze e esperienze. Non salto da un tema all’altro. MI interessa la profondità e la possibilità di arrivare al principio delle cose. Forse per questo tali alluni tantra attira. La maggior parte delle donne Mohenjo-daro interessa a tal punto che si occupano dello studio in modo molto intensivo almeno un anno o due e più anni. Molte donne oggi sono già istruttrici e si sviluppano così che da sole insegnano Mohenjo-daro al livello di base. Collaboriamo sempre.

Si tratta di fatto se Mohenjo-daro la prende o meno. Dove è l’interesse è anche la passione per il tema e non esistono i limiti. Quello è il punto divisore. O Mohenjo-daro non la prende poi è buono assaggio e corso di base e la possibilità di esercitare da sola a casa gli elementi di base. Anche essi hanno il suo valore e dal punto di vista della salute portano velocemente al sollievo. Si tratta di efficaci esercizi e pratiche. Per effetto benefico di base e per rinforzare il corpo non c’è bisogno tanto tempo. Basta il corso di base e pratica a casa. Di nuovo però ribadisco che per molte donne si tratta della combinazione così rivoluzionaria dello yoga tantrico, delle meditazioni attive e rilassamento soprattutto di psichica, che rimangono e di Mohenjo-daro

si occupano appunto nella scuola annua di fine settimana in gruppo di donne allineate nello stesso modo. Importante è un gruppo chiuso perché quello porta tante nuove amicizie, tanto supporto e la sensazione sconosciuta di pertinenza della donne. Pochi sono così fortunati da vivere armonia e allineamento in famiglia o nel suo ambiente di collaboratrici e amiche.

Spesso le donne tra di loro appunto sentono la rivalità e un po di gara, quello dipende dall’assestamento maschile del Mondo. Nello tantra per donne proprio queste barriere molto velocemente svaniscono e nelle scuole annue nascono nuove amicizie a vita e pertinenza.

 

10/ Sulle sue pagine web menziona ripetutamente anche il bisogno di sviluppare e rinforzare le qualità femminili, energia femminile e femminilità in genere. Con ciò è possibile sentitamente concordare, ma a tante donne palesemente viene in mente una domanda, se veramente riuscirebbero a sviluppare le sue qualità femminili possono riuscire da punto di vista lavorativo nel mondo di oggi, dove vengono preferiti i valori mascolini (ad esempio in caso di professioni come è avvocato, giornalista, politico ecc. …)? Avrebbe per loro una risposta rassicurante?

Che domanda interessante. Secondo le mie esperienze rafforza la donna appunto lo sviluppo delle sue caratteristiche femminili

al massimo. I corsi frequentano tante donne appunto in una posizione sociale importante – avvocatesse, manager, ma anche medici.

Per lo più si sentono appunto schiacciate da mondo maschile e vogliono rafforzare in sé la femmina interna. Non appena ci riescono sentono soprattutto al lavoro un sollievo enorme. Molti problemi approcciano diversamente cominciano a risolvere i problemi con tenero modo femminili e sorprese riscontrano che è possibile.

Cominciano essere tutelate da uomini. Gli uomini inconsciamente sentono che la donna accetta aiuto e supporto e così si offrono da soli. Ho vaste esperienze con il fenomeno perché spesso questo è il motivo perché le donne arrivano al corso femminile. Ogni anno risolvo molti di questi casi. La donna in sostanza si sente infelice quando deve a lungo vivere i valori mascolini. Come se morisse da dentro, smettesse di sentire il suo valore femminile e anima. È molto importante a collegarsi con la propria femminilità. Delle volte è veramente giro di cento ottanta gradi. Ogni donna ha questo potenziale ed è in grado di svilupparlo facilmente. E ciò appunto grazie di supporto del gruppo fantastico, delle meditazioni e Mohenjo-daro.

Mohendžodáro 2C-17.6.12-2

 Esperienze personali delle donne

“La strada verso se stessa, scoperta di se stessa, abbandono di paura di esprimersi, gioia di esprimersi, energia non trattenuta. Ritrovamento di una donna nuova – più intera, più gioiosa, autostima.

Seguire la strada di Mohenjo-daro è per me la strada della libertà. Mano mano ritrovo me stessa guardando nel proprio interno e il suo esprimersi fuori sempre di più. Ho iniziato leggermente con piccola occhiata nello spazio sicuro e piano di amore, dove mi sento completamente accettata. Sento accettazione anche con le mie debolezze. Con tutte le mie parti che spesso oddio e accettazione amorosa insegna anche a me accettare la mia ombra. Allo stesso tempo accetto tutto anche di altre donne e sto imparando amare me stessa. Mano mano poi riesco tramite il mio corpo esprimere tutte le mie sensazioni e accettarle come mia parte. Non trattengo più niente e ho coraggio di far vedere più di me. Mi mi fa immenso piacere! Esprimersi si liberamente!

All’improvviso comincio a scoprire in me una donna completamente nuova. Un donna sicura di se ed allo stesso tempo piena di amore, che non giudica se stessa né gli altri. Una donna forte e coraggiosa, con il cuore aperto che si gode la vita e le sfide della vita Donna che progressivamente tramite il cambiamento di se stessa comincia a cambiare anche l’ambiente. Quando ci permettiamo ad entrare veramente profondamente dentro di se troviamo una forza inaspettata, creatività e molteplici talenti di cui fin ora non ne sapevamo. Riusciamo ascoltare meglio se stessi ed anche gli altri e credere in se stessi che solo noi sappiamo cosa per noi è quello vero e migliore. Riusciamo con sicurezza seguire la nostra meta. All’improvviso si trova il coraggio di fare nella vita passo che per paura abbiamo da tanto tempo posticipato e la nostra vita prende una nuova direzione … Direzione verso la vita più felice e più gioiosa.”

…Scopri il percorso per arrivare là dove si incontreranno la tua sessualitá  con la tua anima…

20150226_181240-1